Gennaro Fiorentino

Curriculum e Biografia

Nato il 18 Agosto del 1973, dopo regolare corso di studi conseguo diploma di Maturità Classica all’età di 17 anni a pieni voti. Iscritto alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Napoli mi laureo a 23 anni riportando votazione 110/110 con lode e "dignità di stampa della tesi" discutendo una tesi sperimentale sulle fratture del femore, e subito dopo, nella sessione accademica anno 1998 ottengo l’abilitazione alla professione di Medico Chirurgo con la votazione 90/90. Dopo aver partecipato e vinto i Concorsi per essere ammesso alla Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università Rizzoli di Bologna, dell’Università di Udine, di Padova e di Napoli, mi iscrivo alla Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia a Napoli conseguendo nel 2002 il diploma di Specialista riportando la votazione 50/50 con Lode. Già a 18 anni frequentavo come assistente volontario il Reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Loreto Mare di Napoli Diretto dal Prof. Luciano Iannelli ed il reparto di Chirurgia Artroscopica diretto dal Dott. Antonello Vallario. Dal 2000 fino al 2002 completo la mia formazione in Ortopedia e Traumatologia con Borse di Studio estere dapprima in Svizzera presso l’Ospedale Cantonale di Chur ricevendo gli insegnamenti del Prof. Thomas P. Rüedi e del Dott. Chistoph Sommer ed entrando così a far parte dell’Associazione AO International, la più importante associazione di Traumatologia al mondo. Dopo aver completato un Corso Master a Davos in Chirurgia Traumatologica diventavo Istruttore dei loro prestigiosi corsi internazionali teorico-pratici già all’età di 27 anni. Proseguivo la mia formazione in Chirurgia Protesica e Artroscopica in particolare dell’anca, del ginocchio, della spalla, del gomito e della tibio-tarsica dapprima con una borsa di Studio presso la Clinique Générale de Savoie a Chambéry in Francia effettuando pratica Chirurgica ordinaria e sperimentale presso la sala settoria dell’Università di Laënnec a Lione poi presso il James Paget University Hospital, Great Yarmouth - Norfolk in Inghilterra. Vincevo nel 2002 Borsa di Studio presso l’Hospital for Special Surgery di New York.

All’età di 30 anni partecipo ad un corso formativo su cadaveri in Chirurgia Artroscopica sportiva della spalla, ginocchio, gomito e caviglia in Florida (USA). Nel 2009 e nel 2010 dopo aver completato uno stage a Chicago in Chirurgia artroscopica dell’anca, frequentavo per un lungo periodo Il Vail Medical Center in Colorado (USA) uno dei centri più all'avanguardia nella chirurgia dello sportivo (Sport's Medicine) dove apprendevo le tecniche chirurgiche di Artroscopia dell’anca direttamente dalla massima autorità mondiale in questo campo, il Dott. M.J. Philippon che è stato anche nostro ospite nel 2012 (guarda l'evento) presso l’ospedale di Borgo Val di Taro (Parma). In quell’occasione abbiamo effettuato un intervento chirurgico dimostrativo che è stato trasmesso in videolive surgery. Nel'Aprile 2014 ritorno al Vail Medical Center per continuare a frequentare il Dott. Marc Philippon ma anche il Dott. Robert LaPrade massimo esperto in chirurgia legamentosa del ginocchio ed il Dott. Peter Millet uno dei migliori chirurghi della spalla d'America. Grazie a queste esperienze negli Stati Uniti diventavo esperto di Chirurgia artroscopica dell'anca una moderna tecnica chirurgica in grado di risolvere gli iniziali problemi di artrosi di questa articolazione e nel 2010 effettuavo il primo trapianto di labbro acetabolare di anca in artroscopia in Italia. Dal 2002 al 2008 ho lavorato con un contratto da Dirigente Medico presso il reparto di ortopedia dell'Ospedale di Fidenza (Parma) diretto dal Dott. Ettore Sabetta e dal 2008, previo trasferimento presso l’ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro (Parma) ed in seguito a regolare concorso, divento Responsabile di un’Unità Operativa Semplice di Chirurgia Artroscopica e Mini-Invasiva. Dal 11/01/2016 ricopro il ruolo di Direttore Reparto di Ortopedia e Traumatologia dell'Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo. Dal Gennaio 2019 sono Membro del Consiglio di Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia della Facoltà di Medicina Humanitas Huniversity. Sono stato Relatore in numerosi congressi Nazionali ed Internazionali (clicca qui). Sono membro delle seguenti Società Scientifiche: SIOT, SERTOT, SIA, AO. Sono membro della Faculty Anca della SIA (Società Italiana Artroscopia). Sono iscritto all'Ordine dei Medici di Parma. Mi sono dedicato e mi dedico molto all’insegnamento dei colleghi come istruttore chirurgico oltre che in corsi di Traumatologia dell’Associazione AO Trauma, anche in Corsi teorico-pratici e cadaver lab in Italia ed all’estero, in particolare della chirurgia artroscopica dell’anca e della protesica dell'anca per via anteriore diretta Mini Invasiva. Il 03/04/2014 sono stato l'unico chirurgo italiano ad essere selezionato come istruttore in un prestigioso corso avanzato di chirurgia artroscopica dell'anca a York-UK (guarda l'evento cliccando qui). Nel 2012 partecipo e completo uno Stage in Management in Sanità presso l’Università SDA Bocconi a Milano e nel 2015 dopo aver superato il Corso Ministeriale, ottengo l'abilitazione alla Direzione di Strutture Complesse. Sono autore e coautore di numerose pubblicazioni nel settore su riviste nazionali ed internazionali. Per tutta la vita mi sono interessato alle tecniche chirurgiche Mini-Invasive cioè quelle moderne tecniche Chirurgiche che prevedono il massimo risparmio biologico vale a dire le tecniche che cercano di limitare il più possibile gli inevitabili danni arrecati dalla chirurgia stessa e questo in tutti i campi, diventando negli anni esperto di Chirurgia Artroscopica di tutte le articolazioni (spalla, anca, ginocchio, gomito e caviglia), Chirurgia Protesica dell’anca con tecniche Mini-Invasive, chirurgia protesica del ginocchio e chirurgia traumatologica sempre con Tecniche Mini-Invasive. Tutto questo per riuscire a dare al paziente un trattamento chirurgico efficace riducendo il rischio di complicanze ed abbreviando i tempi di recupero funzionale. Il mio impegno è stato rivolto da sempre alla cura del giovane sportivo così la superspecializzazione in tecniche ricostruttive del ginocchio nelle lesioni legamentose complesse e l’utilizzo di trapianti prelevati da donatore, la chirurgia artroscopica dell’anca tipica dello sportivo come prevenzione e cura delle iniziali forme di artrosi, le rotture dei tendini della spalla e le instabilità della spalla post-traumatiche, la caviglia dolorosa ed il gomito rigido dell’atleta. Un particolare riguardo poi alla chirurgia protesica dell’anca nel giovane dove la tecnica mini-invasiva dona notevoli vantaggi in termini di recupero funzionale, ma anche alla cura delle patologie degenerative articolari dell’anca e del ginocchio dell’anziano. Sono conoscitore della lingua Inglese e Francese. Sono stato un praticante e sono ancora un amante dello sport. Questo mi permette di capire ancora meglio le problematiche anatomo-patologiche e non, legate alla cura dello sportivo.

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.